METAL FOR EMERGENCY – Cenate Sotto (BG) 15/07/2016

by Francesca Cipriano

­METAL FOR EMERGENCY – CENATE SOTTO (BG) – 15/07/2016
Puntuale come ogni estate, arriva il METAL FOR EMERGENCY, festival giunto alla sua dodicesima edizione.
L’associazione Senza Tempo insieme alla Eagle Booking e Bagana Rock Agency, danno la possibilità di potersi vedere una manifestazione ad ingresso totalmente gratuito e potersi gustare l’esibizione di gruppi sia italiani che stranieri. Oggi infatti si esibiranno i Rain, Pino Scotto e a chiudere come headliner gli Angel Witch.
RAIN
I primi a salire sul palco sono i Rain, band bolognese formatisi nel 1980, ma purtroppo al momento dell’inizio del loro concerto c’era poca gente lì ad assistere.Loro però non si sono arresi e ci hanno travolti con la loro musica e con l’energia che sprizzava da loro.
Cominciano con pezzi estratti dal loro ultimo lavoro come ”Space Pirates” “Hellfire” e “Not Dead Yet” e andando a ripescare nella loro discografia. Tengono viva la partecipazione con il loro hard rock e a suon di riff e assoli da parte dei due chitarristi Alessio “AMOS” Amorati e Amedeo Mongiorgi, non c’è n’è davvero per nessuno, travolgendoci con la canzone ” Forever Bitch”.
Buona anche la parte ritmica di Gabriele Ravaglia al basso e Andrea Fedrezzoni alla batteria. Da sotto il palco la gente li applaude e canta con loro l’ultima canzone “Only For The Rain Crew” che chiude una performance decisamente elettrica.

PINO SCOTTO
E’ ora il turno di uno dei personaggi più amati o odiati della scena musicale italiana, sto parlando ovviamente di Pino Scotto, cantante, conduttore, opinionista che non è capace di stare zitto, perennemente arrabbiato con tutto e tutti.
Proponendoci pezzi sia dalla sua carriera da solista che quella con i Vanadium, gruppo storico del panorama heavy metal italiano, come “Third Moon”, “Spaces And Sleeping Stone”,  alternandoli a brani storici come “Streets Of Danger” o “Too Young To Die” che dedica alle vittime sia della Puglia che dell’attentato di Nizza e in special modo ai tanti bambini morti.
Ne ha ancora di cartucce da sparare, dando sfogo alla sua rabbia contro questo sistema e la politica, è il momento della “Resa dei conti”. Ne ha anche contro i pedofili, dicendo che i bambini non si toccano, e infatti nella canzone “Don’t touch the kids” parla proprio di questo.
Durante il concerto si fa notare Steve Angarthal, che ci strega con i suoi assoli nel brano  “The Eagle Scream”. Pino Scotto dice che è stata scritta a poche ore dalla scomparsa di Lemmy.
Buona anche la parte ritmica che non è certo da meno, Dario Bucca al basso e  Marco di Salvia alla batteria che pesta come un forsennato su quelli pelli.
L’ultimo pezzo è ancora una dedica per Mr. Kilmister, il cantante dei Motörhead, che il gruppo di Pino omaggia con una bella cover di “Stone Dead Forever” per finire così un concerto denso di emozioni, che nel frattempo stava cominciando a diventare più numeroso.

ANGEL WITCH
Lì su quel palco ci saranno gli Angel Witch, un gruppo heavy metal inglese fondato nel 1977. Insieme agli Iron Maiden, i Saxon ed i Samson, sono stati uno dei gruppi più influenti della New Wave of British Heavy Metal.
“Gorgon” è la canzone con cui aprono il loro live, a seguire altri pezzi come “White Witch”, “Atlantis”,  “Sorcerers”, cantati praticamente da tutti i presenti, uniti dalla stessa emozione. Il pubblico li elogia e si accende su pezzi come “Guillotine” o “Angel Of Death”. A distanza di tanti anni queste canzoni riescono a scaturire ancora emozioni forti e lo si sente dalla partecipazione dei presenti. Con l’ultimo brano omonimo “Angel Witch”, che tutti cantano insieme a Kevin, si formano una sorta di botta e risposta nei cori con parecchi applausi finali. ( p.s: io mi sono svegliata il giorno dopo con ancori i cori di questa canzone in testa e me le la canticchiavo mentalmente.)
Ringraziamento finale verso tutto lo staff del Metal For Emergency. Gentili, cordiali e molto disponibili e mi auguro di poterci ritornare anche il prossimo anno perché il posto merita davvero con un palco e un impianto luci davvero impeccabile. Tutto il ricavato delle due serate sarà devoluto in beneficenza, quando la musica si mette al servizio del prossimo.

Metal for Emergency1 Metal for Emergency10 Metal for Emergency11 Metal for Emergency12 Metal for Emergency13 Metal for Emergency14 Metal for Emergency15 Metal for Emergency16 Metal for Emergency17 Metal for Emergency18 Metal for Emergency19 Metal for Emergency2 Metal for Emergency20 Metal for Emergency21 Metal for Emergency22 Metal for Emergency23 Metal for Emergency24 Metal for Emergency3 Metal for Emergency4 Metal for Emergency6 Metal for Emergency7 Metal for Emergency8 Metal for Emergency9

­

 

 

You may also like

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi Accetta Continua a Leggere