SUZI QUATRO – “la cosa buona è che non sono in tournè perché ho bisogno di soldi… ma in tournè perché è amore quello che faccio”

by Loris Clerico

Nasce a Detroit, U.S.A. , classe 1950, nella sua carriera iniziata all’età di 14 anni, ha militato in gruppi come Pleasure Seekers e Cradle. Nel 1971 si trasferisce in Gran Bretagna, chiamata dal produttore britannico Mickie Most.
E’ considerata un’importante esponente femminile del glam rock, fenomeno musicale degli anni settanta, Suzi Quatro ha venduto oltre 55 milioni di dischi e ha intrapreso una parallela attività di attrice, appare anche in sette episodi del telefilm “Happy Days”, dove interpreta il personaggio di Leather Tuscadero, e in un episodio de “L’ispettore Barnaby”.
Suzi ha pubblicato ben diciassette album in studio (The Devil In Me recensione), oltre quaranta compilation e best of e un album dal vivo.
Noi di Metalpit abbiamo avuto l’onore ed il privilegio di poterla intervistare per voi.
Buona lettura!

Ciao Suzi! È un piacere di sentirti ed intervistarti! Benvenuta su Metalpit! Come stai?
Ciao! Sto facendo il meglio che posso prevedere in questi tempi difficili… sono molto creativa, sto usando il mio tempo in modo saggio e sto cercando di mantenermi positiva.

Data l’attuale situazione globale, penso che tu abbia anche cancellato concerti, tour promozionali e progetti. Come stai affrontando questo momento?
Sono solo uno dei molti artisti in tournè a cui è accaduto .. mi manca terribilmente, ma la cosa buona è che non sono in tournè perché ho bisogno di soldi… ma in tournè perché è amore quello che faccio… sento più dispiacere per i musicisti, le aziende di autobus, il noleggio di attrezzature, i roadies, gli ingegneri del suono ecc che fanno fronte al ‘bisogno’ dei soldi per vivere.

Dimmi di più sul tuo nuovo disco, quando l’hai registrato e come hai avuto idee per scrivere nuova musica?
Il 2019 è stato un anno di molto successo per me. “No control” ha ottenuto grandi acclami critici, il mio documentario è stato rilasciato alla fine dell’anno, “Suzi Q” … ed è stato un enorme successo mondiale arrivando in vetta alle classifiche di Amazon ed Apple e oltre 85 esposizioni personali, sold out in “iconic sale” in tutto il mondo, l’opzione era raccolta per un secondo album, sia mio figlio che me stessa avevamo pianificato un 2020 ridicolosamente impegnato, poi bloccato.
Per fortuna avevo costruito un piccolo studio dimostrativo nella proprietà, così ho detto .. “ok .. non andiamo da nessuna parte .. scriviamo le informazioni”. Ed è quello che abbiamo fatto.. ho lavorato sul patio con la mia chitarra acustica e basso e un libro di canzoni, e ho lavorato in studio.
L’ho trovato estremamente creativo .. tutto intorno a me .. idee che uscivano fuori .. è perché abbiamo già fatto un album insieme .. sappiamo come far arrivare il meglio da ognuno… abbiamo creato la magia… la vera magia.

Facciamo un passo indietro per un secondo al tuo disco “No Control”, puoi dirci di più a riguardo?
Mio figlio è in una band dall’età di 14 anni… una buona band, ma non potrebbero firmare.. non e’ un buon momento per firmare nuove band.. finalmente mi ha detto: “’ho bisogno di scrivere canzoni con te” ed abbiamo iniziato.
la demo si è trasformata in qualcosa di molto serio .. e il risultato è stato “No Control”.
Non abbiamo alcun progetto quindi era “nulla che va” .. abbiamo fatto i primi passi, siamo molto orgogliosi.

“Bass Line” è una canzone che personalmente mi piace molto, ha una grande melodia, puoi dirci di più a riguardo?
Si ho detto a mio figlio “prova e inventa un riff tipo santana” e così ha fatto, siamo andati nella stanza di fronte e ci siamo collegati, ho iniziato immediatamente a suonare una melodia sul basso che è insolito, e poi ho detto .. richard… questo si chiama ‘bass line’ .. e ho fatto il solo su basso anche su di esso .. che adoro assolutamente.

In passato hai registrato “Desperado” con Jeff Beck, hai fatto un tour con Alice Cooper, c’è un artista con cui vorresti collaborare oggi?
Sì ce ne sono molti, Kt Tunstall con cui ho scritto qualche cosa insieme, inoltre mi piacerebbe fare un duetto con Rod Stewart .. non so perché .. penso che la mia voce calzi bene in questo momento.
Poi sarebbe fantastico fare un duetto con Alice Cooper su “Only Women Bleed”.

“Hit The Road Jack” è una cover che hai fatto, ha un motivo in particolare per questa scelta? Ti senti in qualche modo connessa a questa canzone?
Questa è una delle canzoni che usiamo io e mia sorella Patti quando facciamo gli spettacoli di famiglia, era uno dei nostri pezzi per le nostre feste, quindi ho sempre avuto un senso speciale per questo.

Sappiamo che sei per metà italiana, hai qualche ricordo particolare dell’italia?
io sono per metà italiana e metà ungherese .. non lasciare mia madre fuori, lei scenderà e mi perseguiterà. Amo sia l’Italia che l’Ungheria e sento molto il sangue che scorre nelle vene quando sono là.
Roma è una delle mie città preferite al mondo, così bella, come Budapest .. la famiglia di mia madre veniva da “Pest”.

C’è una città a cui ti senti vicino?
Si, in tutto il mondo, Detroit prima di tutto, le mie radici, il mio cuore sarà sempre lì, adoro Melbourne e Sydney in Australa avendo fatto 38 tour lì. Adoro Miami e ci vado spesso.
Amo molto New York .. probabilmente la mia preferita di tutte… vedi sopra la risposta.

Quando avevi 21 anni ti sei trasferita nel Regno Unito, cosa ricordi di quel periodo? E’ stato difficile per te, all’epoca, trasferirti da un paese all’altro?
Sì emotivamente perché stavo lasciando la mia famiglia senza garanzia di successo .. ed era un paese strano, e ho vissuto in una stanza piccola senza bagno .. quindi si è stato un tempo solitario e difficile ma sapevo quello che volevo e ci sono andata.

Se Suzi Quatro nascesse oggi, pensi che avrebbe lo stesso successo?
Sicuro, perché non sarebbe la stessa persona con lo stesso talento e la stessa unicità … a mio parere sono ancora un numero uno … e questo sarebbe lo stesso ogni volta che nascerei .. strana domanda comunque.

Suoneresti la stessa musica o ti dedicheresti a un altro tipo di musica, come il pop o l’heavy metal?
Penso che sarei sempre orientato ‘rock’ .. se tuttavia fossi nata negli anni 20 per esempio, avrei suonato nello Speakeasy  e sarei stata una bassista di Billie Holiday.
siamo passati dal vinile al cd allo streaming musicale. come ti senti per il passaggio dai media fisici allo streaming?
bene, la parte brutta è che ogni artista ti dice … che non guadagni praticamente nulla dallo streaming .. quindi le persone non pagano più la tua musica, l’industria deve affrontarlo e renderlo più equo.
Leggi di un grande artista che si lamenta sempre di questo… ma progredisci, progredisci e devi affrontarlo al meglio che puoi.

Approvi i concerti online o sei contraria?
Nessuno, basta che funzioni.

Una carriera lunga oltre 50 anni con oltre 55 milioni di dischi venduti. hai viaggiato per il mondo e ti sei esibito nei palcoscenici di qualsiasi paese. se dovessi darti un consiglio a un giovane cosa diresti?
Ora sono in attività da 57 anni! non tagliarmi in breve…
Vorrei dire a me stessa, “questa è una professione, trattala sempre come tale .. impara in modo corretto a suonare il tuo strumento e non andare mai sul palco e dare meno del 150%”.

Penso che i talent show non siano salutari per la musica. Molte persone pensano che una rock band che ne esce avrà una lunga carriera. Invece vediamo queste band svanire. Cosa ne pensi di questo?

Io sono in una casa discografica da anni, anche da prima che diventasse di moda parlarne, anche se “sono” divertenti, cosa che sicuramente sono … hanno avuto un cattivo effetto in quanto le persone ora stanno entrando nel business per essere “famose” .. questo è totalmente sbagliato … e non è realistico lavorare come cameriera un giorno, poi andare in tv e suonare per milioni di persone con una produzione che nemmeno una “star” otterrebbe .. e poi il giorno dopo nessuno lo sa chi sei .. quindi no .. non credo che siano stati sani.

Termina questa intervista nel modo che preferisci e grazie mille per il tuo tempo. Da giovane appassionato della tua musica e della musica dal vivo spero di vederti il prima possibile. Ciao!
Grazie a voi, e si dovresti vedermi dal vivo… è dove veramente brillo.

You may also like

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi Accetta Continua a Leggere