HARAKIRI FOR THE SKY – Questi 10 anni sono stati come un bel viaggio

by Luca Gazzola
In occasione dell’uscita di “Mӕre” (qui la nostra recensione), ultimo album del duo austriaco, abbiamo avuto il piacere di intervistare il cantante Michael “JJ” V. Wahntraum!
Buona lettura metalhead!
Buon pomeriggio JJ e grazie per averci dato l’opportunità di intervistarti. Allora, dicci: sei eccitato per l’uscita del tuo quinto album, Mære?
Sì, certo, sai, è passato più di un anno da quando l’abbiamo finito e avevamo posticipato 2 volte l’uscita, prima a settembre 2020, ma era impossibile e poi a gennaio 2021, e poi finalmente la prossima settimana uscirà. È un enorme sollievo in questo periodo di sovraccarico di merda.
Qual è la storia dietro quel nome?
Stavamo cercando qualcosa che descrivesse un po’ la sensazione generale delle liriche e della musica. Poi ci siamo imbattuti in questa creatura che ti prende quando dormi e ti porta degli incubi, abbiamo pensato che fosse un vero riassunto di tutti gli argomenti di cui parliamo nelle canzoni. Non è sempre facile trovare il titolo di un album, quindi siamo contenti di aver trovato qualcosa che si adatta bene allo scopo.
Allora, perché Trauma ha il numero dell’album, mentre gli altri no?
Una bella domanda! Non so perché abbiamo pensato che fosse una buona idea in quel momento, ma sembrava figo all’epoca. Come puoi vedere gli album successivi non sono più numerati
Com’è nata l’idea della collaborazione con Neige, cantante degli Alcest?
Sai, siamo entrambi grandi fan degli Alcest e li ascolatavamo già quando abbiamo fondato la band, nel corso degli anni abbiamo conosciuto Stephane e Neige, il membro principale, e sì, poi ovviamente abbiamo pensato “perché non collaborare?”. Gli abbiamo chiesto e lui si è stato contento dell’idea. Era qualcosa che volevamo fare da un po’ di tempo, ma ora finalmente lo abbiamo fatto accadere, fortunatamente.
Com’è stato lavorare con lui?
Ovviamente non è stato che fosse venuto qui, a Vienna, per registrare qualcosa. Non sarebbe stato nemmeno possibile, sai, con questa fottuta pandemia. In realtà è stato strano che l’album fosse finito, abbiamo fatto registrare le sue parti successivamente in Francia, dove il lockdown l era molto rigido, non si poteva andare fuori di casa senza una nota scritta della polizia. Quindi, ci è voluto tipo un mese prima che andasse da qualche parte per registrare le parti, quindi è stato un processo lungo. Avevo solo paura di dirgli quale parte volevo che cantasse e poi l’ho lasciato fare tipo 3 prove perché è stato facile: ha un ottimo feeling per le melodie e volevo che portasse un po ‘del suo stile. Sì, è stato praticamente così, eravamo felici di aver avuto quello che ha fatto subito.
Rimanendo su “Sing for the damage we’ve done”, che su YouTube ha raggiunto le 300.000 visualizzazioni, te lo aspettavi? Hai un’idea del motivo per cui ha successo?
Siamo felici così, è bello vedere che ci sono già alcune visualizzazioni. Anch’io sono rimasto un po’ sorpreso, quindi a quanto pare questa è la canzone preferita dalle persone fin’ora. Spero che apprezzeranno anche il resto dell’album. Non so in realtà il motivo principale di questo particolare successo, abbiamo fatto tutto lo stesso nel processo di scrittura dell’album, forse ora ha raggiunto più persone di prima. Forse siamo un po’ più conosciuti rispetto a quando pubblicammo l’ultimo album. Sai, alcune persone lo mostrano agli amici, gli piace, altre persone lo guardano e poi sì, sta gradualmente crescendo sempre, sempre un po’ di più. E’ sempre un piacere vedere le persone che apprezzano la tua musica.
Se non sbaglio, il gruppo è nato nel 2011, 10 anni fa! Come puoi riassumere questi anni?
Il tempo vola amico! Così è stato per me. Sì, vorremo fare un po’ di tour per l’anniversario e tutto il resto, ma come puoi immaginare non c’è niente che abbiamo pianificato.
Come puoi descrivere questi 10 anni?
È stato come un bel viaggio, abbiamo iniziato tutto come un progetto in studio, lo abbiamo fatto fino all’uscita del primo album. E poi le persone ci chiedevano se volessimo suonare dal vivo, abbiamo preso alcuni membri turnisti. Prima abbiamo suonato solo in 5 spettacoli, e poi il progetto è cresciuto ancora e ancora, quindi è stato un viaggio davvero interessante. Abbiamo suonato 100 giorni all’anno prima della pandemia. È stato un bel giro. Non ricordo niente di negativo in particolare, voglio dire, abbiamo avuto la possibilità di fare un tour in Cina e in tutto il mondo. Per me è stata un’esperienza fantastica e, spero, andremo avanti quando le cose torneranno alla normalità.
Concerto preferito?
Questa è una domanda difficile. Penso che il concerto più strano sia stato sicuramente in Cina perché non sapevamo cosa aspettarci allora. Poi vedi anche online in Cina tutte le persone sono impazzite per la musica, con qualcosa con cui non hanno familiarità. Quello era decisamente qualcosa di speciale. Ci sono stati molti grandi spettacoli, ma se devo scegliere uno sarebbe uno di quelli in tour in Cina.
Se potessi tornare indietro, cambieresti qualcosa nella tua carriera o nelle canzoni?
Penso che sia tutto un riflesso del tempo. Ovviamente il suono all’inizio non era esattamente quello che volevamo fosse perché avevamo possibilità limitate. Ma penso che non cambierei nulla nelle canzoni, ma forse con le canzoni, sai è sempre possibile, ad esempio, fare una nuova registrazione per l’anniversario o qualcosa del genere. Ma in generale, se guardo indietro, è una reminiscenza di questo tempo, è stato quello che è stato e mi sta bene.
Com’è stato il tuo 2020?
Vuoi dire che ha fatto schifo? È ovvio. Abbiamo cancellato tutti i tour e tutto il resto. Quando vivi quella vita tutti i giorni, quando sei abituato a suonare ai concerti, ad essere un po’ a casa, e poi vai di nuovo ai concerti, e poi all’improvviso rimani a casa tutto il tempo e le basi della tua vita normale sono sparite, allora è un po’ difficile da affrontare. All’inizio andava bene perché, sai, tutti erano ingenui e pensavano “questa merda sarà finita dopo tre mesi” ed è andata avanti, e ora abbiamo il terzo lockdown e poi ci sono nuove mutazioni e nessuno sa esattamente cosa potremmo avere, e ha colpito molto duramente in famiglia. Alla fine devi imparare ad affrontarlo perché non puoi cambiarlo. Non è stato un grande anno.
Pensi che il 2021 sarà migliore?
In questo momento non credo proprio. Qui in Austria il governo è lento con tutto e fino a quando tutti non avranno una vaccinazione non torneremo alla normalità, che sarà probabilmente dopo 2 anni. Molte sono le speranze che la cosa torni alla normalità molto presto, vedremo.
Canzone preferita del nuovo album? E in generale?
È difficile da dire, il nuovo album ha cambiato molto la classifica. Quando eravamo qui ad ascoltare trovavo qualcosa che mi piacerebbe suonare dal vivo e altri che preferisco ascoltare di più. Al momento direi “Us Against December Skies” è il mio brano preferito perché è molto divertente suonarlo con i ragazzi. In generale questa è una domanda difficile perché ci sono molte canzoni. Al momento non sto ascoltando molto le vecchie cose. Se dovessi sceglierne uno, mi piace “Dancing on debris” dal primo album, ma sì, è una domanda difficile. Non posso davvero sceglierne uno.
14. Piani per il futuro? Stai già pensando a cose o collaborazioni future?
Non proprio, vogliamo far uscire questo album e poi vedremo al futuro. Vogliamo fare live, rifare i tour e suonare  negli Stati Uniti, in Sud America e così via. Cercare solo di stare al passo con gli spettacoli il prima possibile, e sulle collaborazioni dell’album non ci abbiamo pensato. Prima abbiamo bisogno che questo album venga pubblicato, poi possiamo pensare a cose nuove perché poi questo capitolo è chiuso, poi penseremo a nuove collaborazioni.
Riguardo l’Italia?
È sempre divertente suonare in Italia. Non avevamo programmato spettacoli all’interno del tour ma penso che avessimo in programma 3-4 spettacoli fuori dal tour, probabilmente nel nord. Vorremmo fare uno spettacolo anche a Roma, ma purtroppo non succederà presto.

You may also like

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi Accetta Continua a Leggere