Bryan Beller – E’ stato un momento folle, strano e meraviglioso!

by Loris Clerico

English Version

Bryan Beller è noto soprattutto per essere il bassista della rock fusion band The Aristocrats insieme a Guthrie Govan e Marco Minnemann, ma anche per aver collaborato in numerosi live e dischi in studio con i guitar heroes Steve Vai e Joe Satriani.
Ha anche collaborato con diversi musicisti del calibro di Dweezil Zappa, James LaBrie (Dream Theater), Mike Keneally e con la band death metal Dethklok.
Musicista non molto noto nel panorama rock, ma sicuramente pieno di virtù, carisma e potenza.
Noi di Metalpit lo abbiamo intervistato per voi, buona lettura!

Ciao Bryan! È un onore intervistare un grande musicista come te, come stai? Come affronti questo periodo Covid?

Grazie per il tuo interesse per questa intervista! Il Covid è una sfida difficile per tutti e soprattutto per i creativi. Ho avuto un anno creativo molto intenso nel 2019, con il completamento e l’uscita sia del mio doppio concept album progressivo “Scenes From The Flood” che dell’ultimo album degli Aristocrats “You Know What …?”. E poi sono stato in tour per quasi 9 mesi di fila, e avrei dovuto rimanerci per tutto il 2020 con gli Aristocrats e Joe Satriani. Quindi questa è stata una “vacanza in tour” davvero inaspettata, ed è stato davvero utile prendersi del tempo personale senza la pressione di fare subito un altro album e per avere una nuova prospettiva sul tipo di musica con cui voglio essere coinvolto.
Mi sono anche preso il tempo per realizzare il mio primo video musicale concettuale autoprodotto, per le canzoni “A Quickening / Steiner In Ellipses” da “Scenes From The Flood”. Il video è un commento satirico sul nostro mondo sempre più digitale e su come le persone creative lo affrontano. E sto facendo sessioni di registrazione dal mio studio di casa, ovviamente, con alcune cose eccitanti in uscita nel 2021. Ma è strano non poter viaggiare liberamente senza preoccupazione, anche se mi piace passare il tempo a casa. Vuoi avere la possibilità di agire liberamente, in modo da non sentirti intrappolato. È un istinto umano naturale. Detto questo, il Covid è una sfida unica e credo nel potere dell’azione collettiva di ridurre il pericolo per tutti, specialmente i più vulnerabili, e sono felice di fare la mia parte.

Parlaci della sessione di scrittura delle canzoni del disco “Shockwave Supernova” di Joe Satriani.
Joe in realtà scrive le canzoni completamente prima di registrarle, in una demo completamente finita che condivide con la band. Per la registrazione, siamo andati in un’enorme sala di monitoraggio dello Skywalker Sound, il complesso di registrazione audio / video di proprietà del creatore di Star Wars, George Lucas. Con Mike Keneally e Marco Minnemann nella band, è stato incredibilmente divertente e musicale aiutare a dare vita alle canzoni di Joe. Per quanto riguarda Joe stesso, è un produttore molto attento e protegge davvero le canzoni da troppe rivisitazioni. Vuole che le registrazioni abbiano una vera energia da band, ma ogni parte dovrebbe fare attenzione a onorare prima la canzone. Non è un’esibizione da concerto, è un’esibizione in studio e questa è una distinzione importante, una delle quali Joe è molto rispettoso.

Raccontaci qualcosa sul tour dei G3 che hai fatto con i The Aristocrats insieme a Joe Satriani e Steve Vai.
Questo è stato un momento folle, strano e meraviglioso per me personalmente! Sono così contento che tu mi abbia chiesto di questo, perché che ci crediate o no, nessun altro mi ha mai fatto questa domanda.
Ero più giovane quando ho suonato nella band dal vivo di Steve Vai nel 2007 e non avevo fatto molti tour, quindi ho imparato molto in quel periodo sull’esibizione. Ma ero il bassista in una band di sei elementi e non ero molto in prima linea. Con Joe Satriani siamo una band di quattro elementi, e io sono più spesso in prima fila sul palco a sinistra, coinvolgendo la folla e bilanciando la presentazione visiva mentre Joe di solito è a destra del palco. Con i The Aristocrats sono una storia completamente diversa. Abbiamo dovuto inventare il nostro “spettacolo”, che coinvolge tutti noi a parlare sul palco, con cui tutti abbiamo esperienza dal fare le nostre cliniche e alcune mostre personali. Ci sforziamo di essere un trio equilibrato in cui ogni membro è presentato allo stesso modo in ogni aspetto, dagli album ai set dal vivo. Ma in uno strano sviluppo, nel corso degli anni sono diventato in qualche modo lo “speaker principale” durante i nostri spettacoli, e all’inizio è diventato qualcosa di strano – dopotutto sono un bassista, e di solito siamo dietro! – ma dopo cinque anni mi sono sentito più a mio agio.
Poi, nel 2016, ci è stato chiesto di essere il terzo “G” per un brevissimo tour europeo del G3. Erano solo sette spettacoli, tre spettacoli in Germania e quattro spettacoli in Italia. Ovviamente è stato un grande onore per noi essere invitati! Ma non era come se avessimo improvvisamente cambiato tutto il nostro spettacolo, per essere tutto incentrato sulle chitarre e far parlare Guthrie, solo perché era un tour G3. A nessuno sarebbe piaciuto più dello stesso Guthrie! Avevamo una formula che funzionava e volevamo presentare il nostro set di 45 minuti più potente possibile per il pubblico. Dopotutto, non c’era alcuna garanzia che la nostra strana e divertente relazione con un pubblico grande quanto un club avrebbe funzionato per un set da 1200 persone.
Abbiamo finito per condensare il nostro set in sei canzoni, con me che parlavo brevemente all’inizio e alla fine, Marco e Guthrie facevano brevi introduzioni a una canzone ciascuno. Fortunatamente ha funzionato e la folla si è divertita davvero con noi. Poi, alla fine del nostro set, era il mio lavoro essere in un atto di supporto professionale e dire “grazie mille, il prossimo è Steve Vai!”. Poi tutti applaudono, ovviamente. Ed essendo stato nella band di Steve, e vedendolo quando uscivamo dal palco, ci guardavamo e sorridevamo, ed era molto bizzarro. Pensavo tra me e me: “Non sono nemmeno un chitarrista – cosa diavolo ci faccio lassù a presentare Steve Vai ?!”
Ma voglio anche essere chiaro: Steve è stato incredibilmente gentile, generoso e di supporto per tutto il tempo, e come qualcuno che è cresciuto all’ombra dell’uscita di “Passion And Warfare” mentre ero al Berklee College Of Music dal 1989 al 1992 , è del tutto surreale persino parlare di tutto questo.
Nel frattempo, dopo che Steve suonava il suo set, Joe Satriani suonava il suo, e io e Marco Minnemann eravamo anche la sua sezione ritmica. Alla fine è stato molto rilassante per me. Molta meno pressione!
E poi alla fine della serata saremmo stati la sezione ritmica per la jam G3 con Joe, Steve e Guthrie, e alcune di quelle serate erano assolutamente bellissime. Voglio dire, la band al completo era Joe Satriani, Steve Vai, Guthrie Govan, Mike Keneally, Marco Minnemann ed io.
Cosa ho fatto per meritarmi una così incredibile fortuna ?!

Quali sono i dischi che più hanno influenzato la tua vita privata e musicale?
Pink Floyd, “The Wall”, “Wish You Were Here”, “Animals”
Jeff Buckley, “Grace”
Nine Inch Nails, “The Downward Spiral”, “The Fragile”, “With Teeth”
Michael Landau, “Live 2000”
Rage Against The Machine, “Evil Empire”
Yes, “Relayer”
John Scofield, “Bump”
Chick Corea Elektric Band, “Eye Of The Beholder”
Jaco Pastorius, “Invitation”
Led Zeppelin, “Physical Graffiti”

Ce ne sono tanti altri, ma questi sono solo alcuni che mi vengono in mente.

Com’è scrivere canzoni e lavorare con Steve Vai?
Queste sono due domande separate per me! Ovviamente Steve Vai scrive e arrangia il proprio materiale. È molto particolare e specifico su ciò che vuole e io ho fatto del mio meglio per dargli vita. Suonare la musica di Steve richiede disciplina e concentrazione, proprio come ha fatto lo stesso Steve quando suonava nella band del suo mentore, Frank Zappa. Quando tutto si riunisce, è come un atto spericolato che è abbagliante e mistificante anche mentre lo guardi e lo senti accadere in tempo reale.
Per quanto riguarda la scrittura di canzoni, nella mia carriera, ho davvero una visione più radicata. In fondo sono un compositore progressista, non un compositore jazz o fusion, cosa che mi ci è voluto un po’ a realizzare. Ma la cosa più importante per me è un forte senso di atmosfera sonora, combinato con una melodia riconoscibile e un groove profondo. I suoni creano le canzoni, quindi sono molto attento a ogni suono che entra in una composizione. E poiché non sono principalmente un musicista concentrato sulla tecnica, di solito non scrivo musica incentrata sulla tecnica. Il mio modo di scrivere canzoni tende ad essere, in mancanza di una parola migliore, un po ‘più semplice di molte delle persone con cui sono noto per suonare. E mi trovo bene con questo.

Nella tua lunga carriera, con quali musicisti ti sei divertito di più a suonare e perché?
Non mi piace rispondere a domande come questa perché è come chiedere quale dei tuoi figli ami di più e perché. Ho avuto la fortuna di suonare con così tanti grandi musicisti, e ognuno è speciale a modo suo. Scusa ma questa è la mia migliore risposta qui!

Nessun problema! Ora, qual è la differenza tecnico / musicale e di carattere tra Steve Vai e Satriani?
Potrei andare avanti all’infinito per 1000 parole sulle differenze tra Satriani e Vai, ma la più semplice è anche la più accurata. Qualsiasi fan di entrambi gli artisti potrebbe facilmente distinguerli, solo dal suono, dalle sensazioni e dall’emozione compositiva delle loro canzoni, probabilmente entro 5 secondi. Non sono sicuro che spiegarlo in dettaglio sia più valido di chiunque altro al mondo che ascolti e percepisca le differenze da solo. L’unica cosa che direi è che, se ascolti il ​​loro intero catalogo, penso sia ovvio che Steve Vai ha alcune influenze più esoteriche, specialmente Frank Zappa, e Joe Satriani ha influenze più “profonde”. Ciò si manifesta nella struttura delle loro canzoni, nei toni della chitarra, nella forma delle loro melodie e così via. Voglio dire, entrambi hanno ovviamente ascoltato molto Jimi Hendrix e ne sono usciti ancora con visioni selvaggiamente diverse della loro abilità artistica, giusto? Viva le differenze.

Qual è il segreto di una lunga e articolata carriera con grandi musicisti come Satriani, La Brie, Vai, Mike Keneally?
In parte è solo fortuna, e in parte sto facendo quello che posso quando ne ho l’opportunità. Non pretendo di conoscere la risposta: l’universo è pieno di misteri! Un consiglio che posso dare è che faccio sempre del mio meglio per ascoltare la canzone. Ti dirà cosa vuole e poi saprai cosa fare. La parte migliore di questa filosofia è che si applica allo stesso modo a qualsiasi genere di musica o artista. Alla fine, stiamo suonando musica, canzone dopo canzone. Non stiamo suonando “Joe Satriani” o “Steve Vai”.
Sì, la loro musica ha uno stile e un talento artistico, ma comunque, quando suoniamo, suoniamo canzoni. Faccio del mio meglio per ascoltare e dare la migliore parte di basso e la migliore performance possibile. Poi, qualunque cosa accada, accade.

Quali sono i tuoi hobby? Ti piacciono i film?
Vivo in una remota zona di montagna a nord di Los Angeles e mi piace molto fare escursioni e andare in moto su bellissime strade di montagna remote. A volte guardo i film, ma non abbastanza. Sono sempre troppo impegnato a lavorare o dormire!

Quali sono i tuoi musicisti preferiti di tutti i tempi?
Come improvvisatore, John Scofield. Come compositore individuale, probabilmente Trent Reznor. Come compositori di gruppo, probabilmente Yes e Pink Floyd.
Ma ce ne sono così tanti, potrei continuare all’infinito con questo.

Benissimo, siamo giunti alla fine dell’intervista! Grazie mille Bryan per il tuo tempo!

Grazie a voi, un saluto ai lettori!

You may also like

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi Accetta Continua a Leggere