SECRET ALLIANCE – SOLAR WARDEN

Il primo album di debutto dei Secret Alliance è stato pubblicato nel gennaio 2020 e si intitola “Solar Warden”.
La band parte inizialmente come progetto solista del chitarrista e produttore italiano Gianluca Galli (ex Mantra, Time Machine e Silver Horses), ha iniziato a lavorare sulle canzoni per l’album con l’intenzione di esplorare un suono più sull’hard rock moderno e classico con alcune influenze progressive.
Si è unito immediatamente con entusiasmo e ha dato davvero il suo miglior drumming, suonando anche patterns e tempi dispari mai ascoltati prima nelle sue band Angra e Shaman. A tutto ciò si è unito il bassista Tony Franklin, quindi la “Alleanza Segreta” ha preso forma.
Molti gli ospiti che hanno prestato il loro contributo ai brani, tra cui troviamo Ricardo Confessori (Angra, Shaman), il chitarrista Frank Gambale (Chick Corea Band), Alex Masi, Andrea Bartolini (Mantra), Andrea Castelli (Mantra, Silver Horses) e Tony Franklin (Marty Friedman, Quiet Riot, David Coverdale).
Le canzoni di questo “Solar Warden” sono abbastanza discutibili, questo lavoro non è sicuramente il massimo, anzi con tanti ospiti del genere sulla carta pensavo che sarei riuscito a sentire qualcosa di meglio. In questo disco i brani hanno tutti una linea comune, un classico suono rock abbastanza heavy con moderne influenze progressive.
Il disco si apre con “We’re All In” che con un tempo abbastanza lento sembra di ascoltare un disco grunge, un ritornello che prende poco e che anche dopo svariati ascolti non riesce ad entrarmi in testa.
Leggendo il promo del disco non pensavo di sentire brani di questo genere e velocità,  anche brani come “Walking Man” & “Comet Smile” sono altre canzoni che mi fanno storcere il naso, dopo i primi ascolti mi rendo conto che non calzano proprio.
“The Countdown” è uno di quei pochi brani apprezzabili con dei giri di batteria e tastiere molto tecnici e che fanno battere il piede, il riff di chitarra si sposa benissimo con la voce del cantante.
All’interno di questo lavoro troviamo anche “Last Day” che è sulla falsa riga delle precedenti, caratterizzato da tempi dispari con poco tiro, ma comunque con un ritornello abbastanza accettabile e orecchiabile. Nonostante tutto, questo blues rock misto al prog non riesce a soddisfare le mie aspettative…
Pochi i brani salvabili che fanno leggermente spiccare la voglia di continuare ad ascoltare l’album, per esempio più avanti troviamo “Dark Side” & “Superheroes” che hanno dei notevoli giri di basso, accattivanti e diretti, “Superheroes” è stato il primo brano che mi ha fatto venir voglia di dare una seconda possibilità al disco, ma che alla fine è risultata invana.
Tutti i testi e le atmosfere portano a una sorta di realtà futuristica di fantascienza, toccando argomenti come gli alieni, la fine del mondo, e i programmi spaziali segreti, le credenze delle masse, la realtà a matrice virtuale, tutto ciò si sposa benissimo con la copertina che risulta essere una macchina spaziale pronta per una guerra in qualche galassia.
Purtroppo questa “Secret Alliance” non ha compiuto un buon primo passo, con questo lavoro non saprei neanche in che tipologia di concerto inserire questa band, infatti fa sembrare tutto quanto molto incasinato e senza una logica coerente ed orecchiabile nelle note proposte.

Tracklist:
WE’RE ALL IN
THE COUNTDOWN
WALKING MAN
LAST DAY
THE WARDENS
DAILY MIRACLE
NO FAITH
COMET SMILE
A NEW TOMORROW
SUPERHEROES
DARK SIDE
ABUM D’BASHMAYO

 

 

Related posts

LACUNA COIL – Black Anima

CARCASS – Torn Arteries

NIFROST – Orkja

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi Continua a Leggere