DISTURBED: le scuse di David Dreiman

by Metalpit.it Staff

 

Il frontman DISTURBED, David Draiman, si è scusato con la fans che ha aggredito mentre mandava SMS durante lo show della band a Dallas il 23 marzo. ( Leggi QUI cosa è successo)
La donna, Shannon Pardue, ha detto al Dallas Observer che stava inviando sms alla sua figlia più vecchia di 14 anni per calmarla da una grandinata che infuriava fuori dalla loro casa in un sobborgo di Fort Worth. La Pardue ha detto che gli sms sono iniziati durante la pausa tra il set principale del Disturbed e la parte dei Bis,percui verso la fine del concerto. e afferma di aver cercato di  gridare al cantante che stava messaggiando i suoi figli, ma lui l’ ha sentirla. E’ statro davvero maleducato. ”

Draiman poi spiegato le sue azioni in un post online, dicendo:. “. Quella donna non era una fan. Era li con un fan che stava in piedi accanto a lei. E lei aveva la faccia sempre sul telefono dal momento in cui lo spettacolo è iniziato fino alla fine.”

Ha aggiunto in un post successivo, “Ok, Non si può essere d’accordo al  il mio richiamo sul messaggio/ Tweeting / Facebooking per l’intero spettacolo dell’altra sera … Ma quando noi musicisti saliamo sul palco, sanguiniamo per la nostra arte e lasciamo tutti noi stessi lì sul palco, e se qualcuno non ha nemmeno la decenza di guardare anche solo per una canzone, è come se prendessimo uno schiaffo in faccia. ”

Dopo il video dello scambio è stato virale, la Signora Pardue ha detto al Dallas Observer:.. “Quando mi è spuntato fuori il video da internet ho pensato subito che è stata la cosa più imbarazzante che mi fosse mai capitata in vita mia”

Ha aggiunto: “Le rock star non sarebbero dove sono senza persone che pagano per vedere un loro spettacolo, anche se non avevo gli occhi su di lui, ero lì e potevo comunque sentirlo cantare. Lui è un cantante straordinario e loro sono stati bravissimi, ma solo il suo atteggiamento non pagherò piu il biglietto per vederlo suonare di nuovo, né lo faranno i miei amici. ”

Il marito della signora ,che aveva acquistato i biglietti per lo spettacolo ben sei mesi prima del concerto, ha concluso dicendo: “Draiman è stato un “coglione” e oltre che “disturbato” e ha perso due grandi fan.”

Ora, in una nuova intervista con Loudwire, Draiman ha fatto le sue scuse per le sue azioni e per aver parlato senza conoscere il contesto completo della situazione. “Sapete, quando ho fatto quello che ho fatto, non volevo allontanarla” ha spiegato. “E’ stato solo il mio modo per cercare di coinvolgerla“, ha detto il cantante. “E’ quello che ho fatto per anni, e che, nella maggior parte dei casi facevo, se vedevo qualcuno di “passivo” ai nostri live. Loro di solito rispondono positivamente, e tornano davvero a guardare lo show prestando attenzione a me e alla band, e diventano sempre più coinvolti. E ‘davvero un peccato che questa cosa con lei non abbia funzionata e mi si sia ritorta contro”.

Ha continuato: “Non ero a conoscenza di quello che succedeva e quando ho fatto il mio post in Facebook, l’informazione non era ancora venuta fuori, e mi sento male con me stesso, mi dispiace, posso dirle solo questo! Credo proprio che questo modo di fare da qui in avanti lo toglierò dal mio repertorio dal vivo, perché, ovviamente, c’è la possibilità di creare una situazione analoga.”

Draiman aggiunto: “Quindi, ripeto, mi son sentito male e mi dispiace di questa situazione. Non ho voglia che la gente lasci uno dei nostri spettacoli con questa sensazione di malessere. La mia idea è quella di tirarli dentro lo show e farli sentire il potere della musica non di allontanarli”.

You may also like

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi Accetta Continua a Leggere